“Gemelli” di Ernia: pop e rap per descrivere l’amore, l’apatia e la falsità dei colleghi.

“Gemelli” è l’ultimo progetto rilasciato da Ernia ormai più di un mese fa. Si tratta del suo secondo album e, come dichiarato da Ernia, sarebbe dovuto uscire i primi di Aprile ma, a causa del coronavirus, il suo rilascio è stato posticipato fino al 19 Giugno. Anche la strategia di marketing e promozione del disco ha subito delle variazioni con l’album che è stato pubblicato senza essere anticipato dall’uscita di nessun singolo e con la tracklist svelata appena due giorni prima il rilascio.
Il disco è composto da 12 tracce molto diverse tra loro che appartengono a diversi sottogeneri del rap rendendo questo album un progetto completo e adatto ad ogni amante delle rime e degli incastri. Come detto in precedenza possiamo quindi ritrovare diversi mood e stili che però rimangono coerenti con la tipologia di rap che Ernia ha delineato nei precedenti anni di attività. Il disco ha una durata complessiva di 39 minuti e contiene diverse collaborazioni importanti con colossi del rap italiano come Fabri Fibra e giovani promesse come Shiva e Madame.
Copertina di "Gemelli", il nuovo disco di Ernia.
Copertina di “Gemelli”, il nuovo disco di Ernia.

VIVO

In questa prima traccia Ernia ci racconta il suo passato e tutte le disavventure che ha vissuto. Nonostante queste difficoltà l’artista ci descrive il suo sentirsi “vivo” dal punto di vista emotivo, di non essersi fatto sconfiggere dai problemi. Possiamo interpretare questa canzone come un inno alla rivalsa e alla speranza.

SUPERCLASSICO

SUPERCLASSICO è il pezzo pop dell’album scritto per le radio. La canzone racconta diverse fasi di una relazione divise nelle tre strofe: il primo incontro, l’innamoramento e l’inizio della relazione, la rottura. Questa traccia ha ottenuto un enorme successo grazie alle sue sonorità raggiungendo i 10 milioni su Spotify, in occasione del incredibile risultato ottenuto è stato realizzato il videoclip ufficiale disponibile su Youtube che potete trovare qua sotto.

PURO SINALOA FEAT. RKOMI, LAZZA & TEDUA 

Questa canzone è un omaggio a “Puro Bogotà” dei Club Dogo. Viene ripresa la celebre base di Don Joe dove i quattro rapper ripropongono molte citazioni e riferimenti ai Club Dogo mantenendo il mood e la struttura della canzone originale. Ernia ha voluto onorare questo classico del rap italiano per ricordarlo e per farlo conoscere ai più giovani che lo ascoltano. Difatti, nelle prime settimane di uscita di “Gemelli”, “Puro Bogotà” era rientrato in classifica FIMI Italia.
 

MORTO DENTRO

“MORTO DENTRO” descrive una parte di Ernia che è esattamente l’opposto di “VIVO”, racconta la freddezza dell’animo dell’artista dovuta alle tante ragazze interessate solo ai soldi e alla sua fama che lo rendono diffidente e insensibile. Da menzionare la base incredibile realizzata da Sick Luke che utilizza delle chitarre che rendono l’atmosfera malinconica.

NON ME NE FREGA UN CAZZO FEAT. FABRI FIBRA

Questa canzone riprende nuovamente il tema dell’indifferenza emotiva che, in questo caso, approfondisce con uno stile rap tradizionale rimanendo superficiale con un tono aggressivo e allo stesso tempo ironico.

FERMA A GUARDARE

Si tratta di un pezzo pop che, prima della stesura di Superclassico, doveva essere il brano da radio. Infatti è una canzone orecchiabile e semplice realizzata con qualche batteria, la chitarra e la voce. Ovviamente la traccia è di argomento amoroso. Si tratta della prima canzone scritta da Ernia appartenente a “Gemelli”.

MERYXSEMPRE FEAT. SHIVA

Il titolo della canzone riprende il film “Mery per Sempre” del 1989 che raccontava la storia di professore che cerca di motivare i ragazzi del carcere minorile di Palermo. Ernia ci racconta il suo passato e la sua gioventù che però non esalta come certi rapper ma definisce come riferimento per una crescita e una maturazione personale. L’artista ha dichiarato che questo è il suo pezzo preferito dell’album ed è probabilmente la sua miglior canzone.
La tracklist di "Gemelli".
La tracklist di “Gemelli”.

U2

U2 è una traccia più leggera e superficiale in cui Ernia si paragona a Bono degli U2 anche se l’artista ha dichiarato di non essere un fan della band e di aver fatto questo riferimento solo per puro divertimento e per alludere al suo aspetto fisico.

PENSAVO DI UCCIDERTI FEAT. LUCHE

Questa traccia di amicizie finite e di rancori nei confronti dell’ex-amico. In particolare Ernia si riferisce ad un amico che, quando aveva 17 anni, ci aveva provato con la ragazza del rapper. Mentre Luché sembra riferirsi ad Ntò con cui ha iniziato a rappare e con cui ha rotto i rapporti nel 2012.
 

CIGNI

CIGNI è stato definito da Ernia il gemello diverso di NON ME NE FREGA UN CAZZO in quanto approfondisce gli stessi temi di apatia nei confronti della vita ma con toni più introspettivi e intimi nel testo e nelle stesse sonorità.

FUORILUOGO FEAT. MADAME

Questa canzone parla del sentirsi diversi dagli altri e del nascondere la propria persona dietro a maschere e ipocrisie. Probabilmente questo è il featuring più azzeccato in quanto Madame riesce perfettamente a rendere e riproporre il concetto espresso da Ernia dimostrando grandi abilità comunicative e di scrittura.

BUGIE

In quest’ultima canzone Ernia ci descrive le molte bugie dette dalle persone, dagli amici che mentono per fare brutto ai rapper che ci continuano a raccontare delle falsità solo per gonfiare il loro percorso artistico.
“Gemelli” è un progetto completo che riprende diversi temi spaziando dal pop al rap e rappresentando uno dei dischi più validi di questo 2020. Ernia decide di raccontarsi nelle sue fragilità e nei suoi momenti difficili di questo ultimo anno dicendoci le sue verità senza nascondersi o affogare i propri sentimenti nelle classiche metafore del rap italiano.

Mantovan Francesco

Studente di ingegneria meccanica all'Università degli studi di Padova, diplomato al liceo scientifico a pieni voti. Sono appassionato di musica, calcio e scrittura ed ho intrapreso la mia attività di blogging da più di un anno.

Un pensiero su ““Gemelli” di Ernia: pop e rap per descrivere l’amore, l’apatia e la falsità dei colleghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *