Vittoria di misura a San Siro: Milan-Genoa finisce 2-1

Il Milan porta a casa tre punti importanti per la qualificazione Champions contro il Genoa impegnato nella lotta per la permanenza in A.

Il Milan torna alla vittoria a San Siro dopo circa due mesi dall’ultimo trionfo al Meazza contro il Crotone. I rossoneri conquistano tre punti con grande fatica e sofferenza contro il grifone. Nonostante la tecnica inferiore e i prossimi impegni importanti in chiave salvezza, il Genoa ha dato filo da torcere ai ragazzi allenati da Pioli che, negli ultimi minuti, si sono trovati a difendere un minimo vantaggio soffrendo l’assedio dei rossoblù.

Primo tempo

Il primo tempo inizia bene per il diavolo che trova il vantaggio al 13′ con un sinistro molto forte dal limite di Rebic che sorprende Perin. Il Milan sembra, quindi, in grado di portare a casa la partita in modo agevole andando subito vicino al doppio vantaggio con Leao che scivola al momento del tiro calciando sul portiere avversario. Proprio nel momento positivo del Milan arriva il pareggio del Genoa su calcio d’angolo grazie al colpo di testa dell’ex Mattia Destro che, completamente solo al centro dell’area, batte a rete.

Vittoria di misura a San Siro: Milan-Genoa finisce 2-1

Secondo tempo

Il secondo tempo si apre con una nuova occasione per Rebic che spreca un assist al bacio di Kalulu calciando in curva da buonissima posizione. Il nuovo vantaggio rossonero arriva su calcio d’angolo con Scamacca che insacca nella propria rete colpendo involontariamente di testa. Sul finale un’incredibile papera di Donnarumma dà la possibilità al Genoa di battere a rete a porta vuota, miracolosi sono i salvataggi sulla linea prima di Kjaer e poi di Tomori che blindano il risultato.

Voci di mercato

Il Milan soffre ma vince. Rimangono però le prestazioni deludenti di giocatori molto chiacchierati in questo periodo: Donnarumma e Calhanoglu. I due trattano il loro rinnovo richiedendo stipendi che, in questo momento, non sembrano in linea con le performance mostrate sul campo.

Altro protagonista in negativo è Scamacca, protagonista di uno sfortunato autogol, che è stato accostato più volte al Milan come futuro centravanti.

Da registrare anche le prestazioni in crescita di Bennacer, Kalulu e Rebic che hanno disputato una buona partita.

Alcune sbavature difensive importanti per Tomori che, nonostante ciò, rimane una grande sorpresa del mercato invernale meritando il riscatto e il posto da titolare ai danni di Romagnoli che, in verità, non è nemmeno in forma fisicamente a causa di un infortunio.

Altra partita sottotono di Leao che dimostra nuovamente di non essere in grado di ricoprire il ruolo di centravanti; nel secondo tempo viene sostituito da Mandzukic che, però, non fa molto meglio non rendendosi mai pericoloso.

Importante in difesa l’esperienza e la maturità di Kjaer che realizza una prestazione da leader andando vicino anche al gol su calcio d’angolo.

Il Milan chiude la 31esima giornata di Serie A con 66 punti, gli stessi ottenuti alla fine della scorsa stagione. Nonostante tutto la lotta alla Champions è ancora aperta con 5 squadre in appena 8 punti ed un calendario che vede ancora impegni difficili contro Atalanta e Juventus.

Ascolta il nuovo beat di Urban Milan Beats: Nostalgia – Sad Ambient Beat

Mantovan Francesco

Studente di ingegneria meccanica all'Università degli studi di Padova, diplomato al liceo scientifico a pieni voti. Sono appassionato di musica, calcio e scrittura ed ho intrapreso la mia attività di blogging da più di un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *