Visualizzazione post con etichetta rapper. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta rapper. Mostra tutti i post

lunedì 3 agosto 2020

"0ffline" è il nuovo singolo di Tha Supreme in collaborazione con l'artista canadese bbno$.

"0ffline" è il nuovo singolo di Tha Supreme in collaborazione con bbno$ disponibile su Spotify dal 31 Luglio 2020. 

Dopo il grandissimo successo di "23 6451" che ha definito il giovane rapper romano come una delle stelle più promettenti della musica italiana degli ultimi anni, Tha Supreme è tornato con una nuova canzone che contiene una collaborazione internazionale con il canadese bbno$ (si pronuncia "baby no money"), autore della hit mondiale "Lalala" realizzata assieme a Y2K

Copertina di "0ffline", il nuovo singolo di Tha Supreme feat. bbno$.
Copertina di "0ffline", il nuovo singolo di Tha Supreme feat. bbno$. 

"0ffline" è stata inserita nel primo album di Tha Supreme "23 6451", è stata prodotta da lui stesso e riprende la stilizzazione dei titoli attraverso i numeri tipica di quest'album mostrando una continuità del progetto e una coerenza con il resto del disco
L'intro del nuovo singolo è acustica ed è realizzata con una chitarra probabilmente suonata da Tha Supreme che, prima di essere un producer e un cantante, è un chitarrista di talento come ci ha dimostrato in diverse storie Instagram dove ha riprodotto le sue celebri canzoni in versione acustica alternando la chitarra al pianoforte
Nella prima strofa e nel ritornello Tha Supreme ci parla del suo passato scolastico, del suo successo e del suo desiderio di andare "offline" ovvero di staccare da tutto ciò che gli sta intorno, dalla fama e da tutte quelle tensioni che ne derivano. 
Nella seconda strofa bbno$, invece, ci racconta la rottura con una ragazza dovuta alla mancanza di fiducia di lei ed ai soldi e alla carriera musicale di lui. Il rapper canadese ringrazia chi gli ha fatto male perché lo ha reso più forte, apatico e pronto per il duro business dell'industria della musica.
Nella terza strofa di Tha Supreme, il giovane classe '01 ci parla nuovamente del suo stato d'animo e di come sta vivendo questo successo tra alti e bassi come se fosse in un ascensore.

Il videoclip ufficiale di "0ffline" disponibile su Youtube riprende lo stile di quelli realizzati in precedenza. Si tratta di un cartone animato che si rifà in parte al disegno utilizzato per "Rick e Morty", "Advanture Time" e altri programmi americani di cui l'artista è grande fan. Durante queste scene sono riportate in basso le lyrics dimostrando l'importanza data al testo e ai contenuti della canzone da parte di Tha Supreme.



venerdì 31 luglio 2020

"Me and You" è il nuovo singolo di Cold Hart e Lil Peep.

"Me and You" è il nuovo singolo di Cold Hart feat. Lil Peep rilasciato ufficialmente dopo diversi snippet e leak della canzone.

Finalmente "Me and You" è stata rilasciata ufficialmente grazie anche al consenso della madre di Lil Peep che ha permesso a Cold Hart di pubblicare questa canzone mantenendola il più possibile fedele al progetto originale. Questa traccia era stata prodotta in occasione del mixtape Crybaby che tra l'altro, in occasione del quarto anniversario dalla sua uscita, il 10 giugno 2020 è stato reso disponibile su Spotify. La traccia però non è mai stata completata e, nel 2018, Cold Hart ha ritrovato questo vecchio progetto ed ha deciso di terminarlo anche in memoria di Lil Peep, della loro amicizia e della musica che avevano fatto insieme.
Alcuni versi della canzone erano già conosciuti ai fan di Lil Peep in quanto, quando era ancora in vita, aveva pubblicato dei piccoli estratti di questa traccia su Soundcloud dal titolo "yesterday pt.2" per la base molto simile al brano "yesterday" contenuta in Crybaby che in realtà è presa dalla famosissima canzone degli Oasis "Wonderwall".
Nel 2019, Cold Hart ha cantato "Me and You" ad un live e da quel momento la traccia era stata leakata ed era disponibile su internet in maniera non ufficiale
Così finalmente, il 27 Giugno 2020, "Me and You" è stata rilasciata ufficialmente su Spotify.

Copertina di "Me and You", il nuovo singolo di Cold Hart feat. Lil Peep.
Copertina di "Me and You", il nuovo singolo di Cold Hart feat. Lil Peep.

"Me and You" è stata prodotta da Charlie Shuffler che ha prodotto diversi pezzi celebri di Lil Peep tra cui "big city blues" e "yesterday". La base, infatti, riprende lo stile delle tracce precedentemente citate utilizzando dei suoni acustici della chitarra e rendendo il beat il più semplice possibile per valorizzare al meglio le voci. Si tratta di una canzone d'amore in cui i due artisti dichiarano i loro sentimenti descrivendo i momenti passanti, non mancano però riferimenti al suicidio e all'abuso di droghe ed alcol.



mercoledì 29 luglio 2020

Rick Flame e Pips ci presentano il loro nuovo singolo "Tellonym" disponibile su Spotify.

Abbiamo intervistato Rick Flame e Pips, due giovani artisti con la passione e il sogno di vivere con la musica, che ci hanno parlato del loro nuovo singolo "Tellonym" disponibile su Spotify


Rick Flame e Pips sono due ragazzi classe '97, amici da una vita e con la passione per il rap che coltivano da diversi anni, prima come ascoltatori e adesso come cantanti.

Abbiamo sottoposto i due artisti a qualche domanda per capirne di più riguardo "Tellonym", il loro primo pezzo insieme, e per conoscere meglio la loro musica.

Che cos'è "Tellonym"? E perché avete scelto questo titolo?
Pips ci chiarisce subito il significato del titolo: "Tellonym è un'applicazione in cui puoi scrivere in anonimato ad una persona come una volta si faceva su Ask. Io personalmente non uso Tellonym, perché ho una certa età, ma il titolo è stato scelto perché, come si sente nel ritornello, a "noi" puoi chiedere di tutto come se fossi in anonimo perché possiamo fare di tutto per te", riferendosi non per forza ad un'ipotetica ragazza.
Rick ci precisa che: "Il  titolo parla di incomprensioni d'amore e Tellonym mi sembrava appunto una parola chiave per descrivere la parte buona e comprensiva che ha portato l'inizio del rapporto che spesso è oscurata e rimane anonima. Quando ti trovi a ricevere domande dalla diretta interessata si possono dare risposte sbagliate dovute in parte all'imbarazzo o all'orgoglio. Invece, le stesse domande, se fatte in forma anonima, possono risultare più soddisfacenti."

Copertina di "Tellonym", il nuovo singolo di Rick Flame feat. Pips.
Copertina di "Tellonym", il nuovo singolo di Rick Flame feat. Pips.

Come è nato questo singolo e qual è il suo significato?
"Il singolo è nato quasi automaticamente. Io e Rick Flame ci conosciamo e ascoltiamo rap ormai da diversi anni e, dopo qualche pezzo solista che potete trovare su Soundcloud, abbiamo deciso di fare qualcosa insieme". Pips continua spiegandoci l'intento della canzone: "E' stata pensata inizialmente come una canzone estiva e abbastanza leggera che legasse i nostri due diversi stili di scrittura, Rick punta più su un concetto love mentre io preferisco un classico discorso hip hop di rivalsa e differenziazione dagli altri." 
Rick Flame, poi, ci ha descritto il significato e il legame personale che ha per lui questa canzone: "Nella mia strofa, come ho già detto prima, parlo d’incomprensioni d’amore che ho cercato di risolvere mettendoci tutto me stesso, l’errore è nato da me perché ho avuto dei problemi personali/familiari che mi hanno in qualche modo quasi obbligato a mettere da parte questo mio sentimento, poi ci sarebbero altre mille cose da dire però mi limito a questo, fatto sta che sono dispiaciuto; secondo me l’amore, quello vero, ha sempre la forza di perdonare, almeno certi tipi d'errore."

A chi vi ispirate nella scrittura delle rime o, più in generale, nella vostra musica?
Rick Flame ci ha rivelato di ispirarsi, in particolare, ai vecchi della scuola hip hop italiana: "Io prendo ispirazione da tutto e da tutti, è giusto ascoltare più roba possibile per riuscire a trovare una scrittura più ricercata. Ovviamente noi siamo cresciuti ascoltando rap, quello vero, ti parlo di gente del calibro di Fabri Fibra, Club Dogo, Marracash e moltissimi altri."
Pips ci confida che la sua ispirazione non deriva solo dalla musica ma anche da un'altra sua grande passione: il cinema. "Traggo ispirazione da qualsiasi cosa, sicuramente da altri rapper/cantanti che mi piacciono, ma anche dai film che guardo, dalle persone che mi circondano e da quello che mi capita ogni giorno. Cerco di restare "real" e di raccontare quello che provo e vivo, anche se non trovo sbagliato "romanzare" le proprie liriche, alla fine la musica è intrattenimento".

Con chi, della scena rap italiana, sognate di collaborare?
Rick Flame ci confessa di non essersi mai fatto questa domanda e ci chiarisce, rimanendo coi piedi per terra, l'obiettivo della sua musica, che potete ascoltare anche sul suo profilo Soundcloud: "L’obiettivo che mi sono posto per il momento è quello di dare un mio timbro nella zona e crescere sempre di più, spero di fare del mio meglio e che la gente possa riconoscere il mio amore per questo genere anche se qui da noi non va molto, spero di cambiare le cose, farò di tutto." Pips, invece, ci racconta che il suo featuring dei sogni è con Gué essendo cresciuto con la musica dei Dogo e Marra; della "nuova scuola" collaborerebbe con Izi e Tedua che, a suo parere, sono i migliori della nuova generazione. Infine, Pips ci ha annunciato dei progetti che potremo ascoltare in futuro: "Ti posso già spoilerare che tra non molto uscirà qualcosa insieme ad un altro rapper a me molto vicino e anche con altri che devono ancora fare il loro "debutto". Finalmente anche nella nostra fossa di nebbia e zanzare sta iniziando a muoversi qualcosa."


Ritornando a parlare del nuovo singolo, "Tellonym" è prodotto da Mr. Brik & Enix Heartless che realizzano una base leggera dai suoni estivi che Rick Flame e Pips sfruttano al massimo raccontandoci di incomprensioni amorose come descritto ampiamente nella loro intervista. Il pezzo funziona ed è molto orecchiabile,  le linee melodiche raggiunte nel ritornello sono di ottima qualità e permettono di memorizzarlo rapidamente. In conclusione, si tratta di un progetto molto interessante che, come ci ha detto Pips, speriamo sia il primo di una lunga serie.

Non ci resta che invitarvi ad ascoltare "Tellonym", il nuovo singolo di Rick Flame in collaborazione con Pips.


domenica 26 luglio 2020

"Malandrino" è il nuovo singolo di Jake La Furia e Emis Killa che anticipa "17", il joint album in uscita a Settembre.

"Malandrino" è il nuovo singolo nato dalla collaborazione tra Jake La Furia e Emis Killa che, in occasione della pubblicazione della nuova canzone, hanno annunciato l'uscita di "17": il joint album che verrà pubblicato a Settembre. 

In un lungo post su Instagram Emis Killa ha speso parole d'oro per Jake definendolo il suo metro di giudizio per migliorarsi e ringraziandolo anche per averlo incoraggiato a seguire il suo sogno diventando in parte un complice dell'importante carriera musicale di Emis. Al termine di tutto questo grande elogio alla figura di Jake è stata annunciata l'uscita del joint album "17" che vedrà i due rappare insieme in un progetto ambizioso dal grande potenziale capace di rivoluzionare e di segnare la storia del rap italiano.

Copertina di "Malandrino", il nuovo singolo di Jake La Furia e Emis Killa.
Copertina di "Malandrino", il nuovo singolo di Jake La Furia e Emis Killa.

Questo disco è anticipato da questa prima traccia intitolata "Malandrino" disponibile sulle piattaforme di streaming musicale da venerdì 24 Luglio
"Malandrino" è prodotta da Low Kidd e ci racconta l'adolescenza dei due rapper, Jake e Emis ci descrivono il loro desiderio adolescenziale di diventare dei "malandrini" menzionando diversi film e personaggi legati al mondo del cinema come Tarantino, Il Padrino, Tony Montana e Keyser Söze che rappresentavano per loro dei modelli. Abituati alla vita di strada, i due artisti ambivano a diventare i capi di quell'ambiente e quindi volevano appunto diventare dei malandrini per assomigliare un po' di più a quei loro idoli che vedevano alla televisione. 
La traccia è puramente rap e presenta delle citazioni e delle figure che non appartengono alle nuove generazioni. Jake, infatti, ci tiene a sottolineare che loro due sono nel mondo della musica da prima della trap e di tutte le nuove droghe di cui si parla spesso quasi come a definirsi il padre di tutti quei giovani rapper che in questo periodo si stanno affermando.
"Malandrino" ha collezionato mezzo milione di streaming su Spotify in appena tre giorni dal rilascio della canzone.


giovedì 23 luglio 2020

"Beretta" è il nuovo singolo di Massimo Pericolo.

"Beretta" è il nuovo singolo di Massimo Pericolo pubblicato il 17 Luglio su Spotify.

Per la promozione del nuovo brano Massimo Pericolo ha pianificato un'iniziativa originale lasciando sulle macchine di Zona Navigli un facsimile di una multa (vedi sotto) che tra le tante citazioni e riferimenti all'artista e alla sua musica conteneva un QR Code che permetteva il pre-save della nuova canzone di Massimo. 

Facsimile della multa di Massimo Pericolo.

"Beretta" è stata prodotta da Crookers, produttore che ha collaborato in molte tracce con Massimo Pericolo tra cui la hit che lo ha lanciato al successo "7 Miliardi" di cui, tra l'altro, si fa riferimento nel costo della multa sopra riportata. I suoni della base ricordano le sirene della polizia che possiamo anche vedere sul videoclip ufficiale di Youtube. In questo pezzo Massimo Pericolo fa riferimento a diverse armi e che, nonostante ne parli, non ha mai avuto bisogno di sparare per fare soldi. L'artista si riferisce poi a qualche suo nemico, magari collega, che si meriterebbe una pallottola
Descrive anche il suo talento musicale che gli permette di essere una "...popstar come Madonna..." e "...trap come la mafia...", riferendosi alla sua duttilità musicale che abbiamo potuto notare nella collaborazione con Mahmood in "Moonlight popolare". L'artista, infatti, è in grado di trattare diversi temi di denuncia sociale, parlando del sistema penitenziario, dello spaccio e della vita di strada utilizzando stili diversi, uno più pop ed un altro puramente rap dove il linguaggio diventa evidentemente più crudo e diretto.

Copertina di "Beretta", il nuovo singolo di Massimo Pericolo.
Copertina di "Beretta", il nuovo singolo di Massimo Pericolo.

Il videoclip di "Beretta" disponibile su Youtube vede Massimo Pericolo travestito da poliziotto che gira col la volante della polizia con sulla fiancata l'adesivo "pericolo". Si tratta di un video ironico che mira a prendere in giro le forze dell'ordine; sotto questo sfottò, però, si cela un messaggio più profondo infatti si vede in una scena anche un riferimento alla morte di George Floyd che ha creato forti disordini in America contro i poliziotti e i loro modi violenti di gestire le situazioni. In alcune scene si nota anche Massimo indossare una maschera di Social Boom diventato virale su Youtube per repostare storie Instagram di personaggi famosi creando gossip inesistenti solo per gonfiare i propri numeri, molto spesso è stato insultato dai vip per approfittarsi della fama altrui per arricchirsi raccontando solo falsità.



La Beretta, perciò, rappresenta una metafora che racchiude diversi concetti come la violenza e rappresenta una critica verso le forze dell'ordine e chi si arricchisce attraverso la violenza, infatti Massimo non ha mai avuto bisogno di sparare per raggiungere i suoi obiettivi.

mercoledì 22 luglio 2020

"Gemelli" è il nuovo disco di Ernia: pop e rap per descrivere l'amore, l'apatia e la falsità dei colleghi.

"Gemelli" è l'ultimo progetto rilasciato da Ernia ormai più di un mese fa. Si tratta del suo secondo album e, come dichiarato da Ernia, sarebbe dovuto uscire i primi di Aprile ma, a causa del coronavirus, il suo rilascio è stato posticipato fino al 19 Giugno. Anche la strategia di marketing e promozione del disco ha subito delle variazioni con l'album che è stato pubblicato senza essere anticipato dall'uscita di nessun singolo e con la tracklist svelata appena due giorni prima il rilascio.
Il disco è composto da 12 tracce molto diverse tra loro che appartengono a diversi sottogeneri del rap rendendo questo album un progetto completo e adatto ad ogni amante delle rime e degli incastri. Come detto in precedenza possiamo quindi ritrovare diversi mood e stili che però rimangono coerenti con la tipologia di rap che Ernia ha delineato nei precedenti anni di attività. Il disco ha una durata complessiva di 39 minuti e contiene diverse collaborazioni importanti con colossi del rap italiano come Fabri Fibra e giovani promesse come Shiva e Madame.

Copertina di "Gemelli", il nuovo disco di Ernia.
Copertina di "Gemelli", il nuovo disco di Ernia.

VIVO
In questa prima traccia Ernia ci racconta il suo passato e tutte le disavventure che ha vissuto. Nonostante queste difficoltà l'artista ci descrive il suo sentirsi "vivo" dal punto di vista emotivo, di non essersi fatto sconfiggere dai problemi. Possiamo interpretare questa canzone come un inno alla rivalsa e alla speranza.

SUPERCLASSICO
SUPERCLASSICO è il pezzo pop dell'album scritto per le radio. La canzone racconta diverse fasi di una relazione divise nelle tre strofe: il primo incontro, l'innamoramento e l'inizio della relazione, la rottura. Questa traccia ha ottenuto un enorme successo grazie alle sue sonorità raggiungendo i 10 milioni su Spotify, in occasione del incredibile risultato ottenuto è stato realizzato il videoclip ufficiale disponibile su Youtube che potete trovare qua sotto.



PURO SINALOA FEAT. RKOMI, LAZZA & TEDUA 
Questa canzone è un omaggio a "Puro Bogotà" dei Club Dogo. Viene ripresa la celebre base di Don Joe dove i quattro rapper ripropongono molte citazioni e riferimenti ai Club Dogo mantenendo il mood e la struttura della canzone originale. Ernia ha voluto onorare questo classico del rap italiano per ricordarlo e per farlo conoscere ai più giovani che lo ascoltano. Difatti, nelle prime settimane di uscita di "Gemelli", "Puro Bogotà" era rientrato in classifica FIMI Italia.

MORTO DENTRO
"MORTO DENTRO" descrive una parte di Ernia che è esattamente l'opposto di "VIVO", racconta la freddezza dell'animo dell'artista dovuta alle tante ragazze interessate solo ai soldi e alla sua fama che lo rendono diffidente e insensibile. Da menzionare la base incredibile realizzata da Sick Luke che utilizza delle chitarre che rendono l'atmosfera malinconica.

NON ME NE FREGA UN CAZZO FEAT. FABRI FIBRA
Questa canzone riprende nuovamente il tema dell'indifferenza emotiva che, in questo caso, approfondisce con uno stile rap tradizionale rimanendo superficiale con un tono aggressivo e allo stesso tempo ironico.

FERMA A GUARDARE
Si tratta di un pezzo pop che, prima della stesura di Superclassico, doveva essere il brano da radio. Infatti è una canzone orecchiabile e semplice realizzata con qualche batteria, la chitarra e la voce. Ovviamente la traccia è di argomento amoroso. Si tratta della prima canzone scritta da Ernia appartenente a "Gemelli".

MERYXSEMPRE FEAT. SHIVA
Il titolo della canzone riprende il film "Mery per Sempre" del 1989 che raccontava la storia di professore che cerca di motivare i ragazzi del carcere minorile di Palermo. Ernia ci racconta il suo passato e la sua gioventù che però non esalta come certi rapper ma definisce come riferimento per una crescita e una maturazione personale. L'artista ha dichiarato che questo è il suo pezzo preferito dell'album ed è probabilmente la sua miglior canzone.

La tracklist di "Gemelli".
La tracklist di "Gemelli".

U2
U2 è una traccia più leggera e superficiale in cui Ernia si paragona a Bono degli U2 anche se l'artista ha dichiarato di non essere un fan della band e di aver fatto questo riferimento solo per puro divertimento e per alludere al suo aspetto fisico.

PENSAVO DI UCCIDERTI FEAT. LUCHE
Questa traccia di amicizie finite e di rancori nei confronti dell'ex-amico. In particolare Ernia si riferisce ad un amico che, quando aveva 17 anni, ci aveva provato con la ragazza del rapper. Mentre Luché sembra riferirsi ad Ntò con cui ha iniziato a rappare e con cui ha rotto i rapporti nel 2012.

CIGNI
CIGNI è stato definito da Ernia il gemello diverso di NON ME NE FREGA UN CAZZO in quanto approfondisce gli stessi temi di apatia nei confronti della vita ma con toni più introspettivi e intimi nel testo e nelle stesse sonorità.

FUORILUOGO FEAT. MADAME
Questa canzone parla del sentirsi diversi dagli altri e del nascondere la propria persona dietro a maschere e ipocrisie. Probabilmente questo è il featuring più azzeccato in quanto Madame riesce perfettamente a rendere e riproporre il concetto espresso da Ernia dimostrando grandi abilità comunicative e di scrittura.

BUGIE
In quest'ultima canzone Ernia ci descrive le molte bugie dette dalle persone, dagli amici che mentono per fare brutto ai rapper che ci continuano a raccontare delle falsità solo per gonfiare il loro percorso artistico. 

"Gemelli" è un progetto completo che riprende diversi temi spaziando dal pop al rap e rappresentando uno dei dischi più validi di questo 2020. Ernia decide di raccontarsi nelle sue fragilità e nei suoi momenti difficili di questo ultimo anno dicendoci le sue verità senza nascondersi o affogare i propri sentimenti nelle classiche metafore del rap italiano.

mercoledì 3 giugno 2020

"Moonlight Popolare" è il nuovo singolo di Mahmood in collaborazione con Massimo Pericolo.

"Moonlight Popolare" è il nuovo singolo di Mahmood e vede la partecipazione di Massimo Pericolo che, come attitudine e stile musicale, si discosta molto dal vincitore di Sanremo 2019.


"Moonlight Popolare" è un prodotto inaspettato e originale in quanto combina stili musicali e di scrittura molto differenti tra loro. Parliamo, infatti, di due artisti che, a livello di scrittura, sono tra i migliori se non i migliori in Italia nel loro genere di appartenenza.
Nelle sue canzoni, Mahmood ci ha raccontato un suo lato sensibile, la sua fragilità e i suoi ricordi di infanzia. Attraverso il pop ha cercato di raggiungere più persone possibili per comunicare il suo messaggio e le sue emozioni raccontandoci un'infanzia difficile a livello economico e un brutto rapporto con il padre che arricchisce con una certa dose di malinconia. 
Massimo Pericolo, invece, ci racconta la vita di strada e il sistema penitenziario che ha vissuto in prima persona  utilizzando parole dure di denuncia sociale. I suoi toni e i suoi contenuti si adattano molto bene al rap che ha scelto come via di sfogo verso le ingiustizie che ha visto e di cui ha avuto esperienza in prima persona.

Copertina di "Moonlight Popolare", il nuovo singolo di Mahmood e Massimo Pericolo.
Copertina di "Moonlight Popolare", il nuovo singolo di Mahmood e Massimo Pericolo.

Questa evidente diversità a livello artistico li ha resi complementari e in grado di dare origine ad un grande brano che racchiude il pop e il rap in un nuovo genere inedito. Nonostante le differenze musicali i due artisti condividono un vissuto difficile tra problemi economici e famiglie instabili che hanno puntualmente deciso di raccontarci in questa canzone.
Il pezzo è stato annunciato su Instagram con i due artisti che hanno postato due copertine diverse in cui i colori bianco e nero erano invertiti in riferimento allo Yin e lo Yang.
Lo Yin rappresenta il rap e lo Yang il pop, difatti in “Moonlight popolare” è come se i due artisti si siano “scambiati” di ruolo con Mahmood che parla di strada e Massimo in una versione più “commerciale”. 

"Moonlight Popolare" è una metafora che descrive il percorso artistico dei due artisti che da una casa popolare hanno continuato a sognare e hanno raggiunto il loro obiettivo migliorando la loro condizione sociale e di chi gli sta a cuore. E' un messaggio positivo che invita chiunque a non smettere di sognare, di credere e di lottare per arrivare al proprio obiettivo.

Il video ufficiale di "Moonlight Popolare" disponibile su Youtube ritrae i due artisti in un quartiere popolare ovviamente durante la notte, si alternano ambientazioni povere e tratti squallide come gli edifici spogli e in disuso delle periferie.


giovedì 28 maggio 2020

"BOHEME" è il terzo estratto dall'album di debutto di Rosa Chemical "FOREVER" in uscita a mezzanotte.

"BOHEME" è il terzo singolo che anticipa l'album di debutto di Rosa Chemical, personaggio controverso dall'indubbio talento.


"BOHEME" è il terzo estratto che, dopo "POLKA" feat. Thelonius B. e "LOBBY WAY", anticipa l'album di debutto di Rosa Chemical dal titolo "FOREVER"
Il rapper ha già annunciato titoli e featuring che compongono il disco che uscirà su tutte le piattaforme di streaming musicale allo scoccare della mezzanotte.

forever album di debutto di rosa chemical
Copertina di "FOREVER", l'album di debutto di Rosa Chemical.

"BOHEME"
è prodotta da Bdope è presenta un nuovo lato di Rosa che descrive i suoi sentimenti in una traccia reggaeton dal forte carattere introspettivo. Racconta di un amore trasformatosi in odio, di sensazioni e stili di vita negativi paragonandosi ad un bohemien, poeta "maledetto" dell'ottocento francese che viveva di eccessi, arte e poesia proprio come Rosa dice di fare. La canzone quindi descrive questo forte parallelismo tra un poeta della boheme e il rapper calcando sugli aspetti negativi del vivere che accomunano le due figure. Il titolo si riferisce a "Ma bohème", celebre poesia di Arthur Rimbaud (uno dei poeti maledetti più rappresentativi del movimento). La base ha suoni attuali che riprendono la tendenza reggaeton che, soprattutto nella stagione estiva, domina le classifiche musicali. 

Il video ufficiale di "BOHEME", disponibile su Youtube, riprende perfettamente i concetti descritti nella canzone mostrandoci gli aspetti della vita di un bohemien: l'alcol, la musica e la sessualità. Quest'argomento è molto a cuore da Rosa che ha dedicato gran parte della sua musica in difesa dei diritti della comunità LGBT, infatti nel video sono ritratte due coppie gay. 


TRACKLIST DI "FOREVER"
1. Rose e Rovi
2. Cosanostra
3. Lobby Way
4. Occhio e Croce
5. Polka (feat. Thelonious B)
6. Slatt (feat. Dani Faiv)
7. Raf Simons
8. Londra (feat. Rkomi)
9. Nuovi Gay
10. Slime (feat. Wayne Santana)
11. Boheme
12. Tu mi fai (feat. Boro Boro)
13. Paradiso

sabato 23 maggio 2020

"è Trap bro" è il nuovo singolo del duo SquadDrone.

"è Trap bro" è il nuovo singolo del duo SquadDrone rilasciato ieri, 22 Maggio, su Spotify.


"è Trap bro" è il primo singolo dopo la firma del duo SquadDrone con l'etichetta discografica Top Records di Milano, la canzone contrappone diversi stereotipi e mondi, il trapper e il figlio di papà, l'alternativo e l'ordinario.
Il duo barese nasce sui banchi di scuola dove Valerio Ardillo e Valerio Vacca, in arte Falco e Reietto, sono diventati grandi amici legati dalla passione per la musica che, dopo progetti solisti, li ha uniti in questa nuova sfida: SquadDrone. Il nome è l'unione di due caratteristiche fondamentali del duo, "Squad" riprende il concetto di squadra che racchiude le persone che credono e sostengono il progetto, mentre "Drone" rappresenta il desiderio dei due artisti di far volare in alto la loro musica proprio come fa un drone.
Il duo raccoglie le tendenze del momento e le unisce in un genere inedito che risulta essere una stretta connessione tra rap, trap e indie.

copertina "è trap bro " di squaddrone
Copertina di "è Trap bro", il nuovo singolo di SquadDrone.

"è Trap bro" è prodotta da Pierluigi Tucci, in arte MeisterBeats, ed è un brano che, sotto le sonorità e i toni spensierati, nasconde dei concetti importanti che Valerio Ardillo ci racconta così:

«Il titolo del brano è un’espressione usata da noi giovani per giustificare un comportamento o un modo di essere che gli altri non comprendono. Con questa canzone vogliamo invitare le persone ad assecondare le proprie passioni liberamente, senza preoccuparsi dell’opinione altrui. In particolare, rivolgiamo questo appello ai ragazzi che come noi decidono di intraprendere un percorso come rapper, perché in questo mondo non è facile farsi apprezzare quando non rispecchi lo stereotipo del cattivo ragazzo che non si omologa alle regole e che fa dell’eccentricità il suo modus operandi. Gli stessi rapper tendono a criticare chi vuole fare la loro stessa musica ma si discosta dal solito modello».

Il singolo, quindi, rappresenta una critica verso il mondo musicale e la scena hip hop che, molte volte, accoglie personaggi falsi creati solo per rispettare lo stereotipo del rapper a cui l'ascoltatore medio è abituando. In questo caso Falco e Reietto vogliono essere l'esempio opposto, due bravi ragazzi che credono nel potere della musica e della comunicazione e che non hanno timore nel mostrarsi per quello che sono senza temere giudizi e critiche.


sabato 25 aprile 2020

"KRIMINAL" è il nuovo singolo di Shablo in collaborazione con Guè Pequeno, Gemitaiz e Samurai Jay.

"KRIMINAL" è il nuovo singolo di Shablo rilasciato su Spotify venerdì 10 Aprile Thaurus, BHMG e Universal Music Italia.

"KRIMINAL" è stato annunciato dal produttore Shablo su Instagram senza svelare inizialmente i nomi dei feat per alimentare le teorie dei fans e per creare maggiore interesse. Qualche giorno dopo lo stesso Shablo ha rivelato, con un altro post Instagram, gli artisti che avrebbero rappato sulla base di "KRIMINAL". Assieme a due veterani come Guè Pequeno e Gemitaiz ha sorpreso il nome di Samurai Jay, emergente di talento della scuderia Thaurus di cui appunto Shablo fa parte. 

Copertina di "KRIMINAL", il nuovo singolo di Shablo.
Copertina di "KRIMINAL", il nuovo singolo di Shablo.

Il beat di Shablo in "KRIMINAL" riprende molto i suoni che vanno in voga in questo periodo, sono evidenti i riferimenti alla musica spagnola con le varie trombe e lo stile fortemente influenzato dal reggaeton
Il ritornello cantato da Guè Pequeno presenta subito il concetto di criminale inteso da Guè che elenca degli esempi dai film celebri "Scarface", "Gomorra" e "Il Padrino".
La prima strofa di Gemitaiz è relativamente corta ed approfondisce il lato amoroso della vita criminale che con il suo fascino cattura molte ragazze, racconta in modo particolare le sue esperienze e le sue relazioni brevi e inconsistenti.
La seconda strofa di Samurai Jay riprende il concetto di criminale descrivendo il lato un po' più "coatto", la poca fiducia nelle persone e le relazioni problematiche.

In questo brano Shablo è riuscito ad unire diversi generi e stili in un'unica traccia. E' evidente la differenza nelle strofe di Gemitaiz e Samurai che appartengono a due generazioni musicali, Gemitaiz presenta argomenti e flow più old-school mentre Samurai rappa con uno stile chiaramente trap.

In realtà, nelle intenzioni originali di Shablo, al posto di Samurai Jay sarebbe dovuto esserci Emis Killa come confermato dal rapper su una storia di Instagram che, però, non ha potuto partecipare al progetto per altri impegni lavorativi. Nonostante tutto Samurai Jay ha dimostrato di saperci fare mostrando una certa maturità nel condividere il microfono con artisti di livello come Guè e Gemitaiz.

Il video ufficiale di "KRIMINAL" disponibile su Youtube è un video ricco di colori, animazioni ed effetti essenziali e necessari in un periodo di quarantena come questo in cui è impossibile organizzare delle riprese. Nonostante ciò il video è molto curato e di ottima qualità adatto anche ai vari canali televisivi di musica.



VOTO 7.5 /10

venerdì 3 aprile 2020

"In Peggio" è il nuovo singolo di Dani Faiv che anticipa il nuovo disco in uscita prossimamente.

"In Peggio" è il nuovo singolo di Dani Faiv in cui l'artista approfondisce il concetto dei leoni da tastiera rappando le diverse critiche che si sente dire tutti i giorni.

Durante la sua carriera Dani Faiv ha mostrato una crescita continua che lo ha portato ad essere un membro fondamentale di Machete. Ha passato diverse fasi nella sua crescita in cui la sua musica ne ha risentito in positivo, ci ha presentato un mood più allegro e leggero in "Fruit Joint" ed un'attitudine più matura in "Machete Mixtape 4" che ha riconfermato in questo nuovo singolo che sembra un recap e un giudizio su un percorso musicale coronato da importanti successi.

Copertina di "In Peggio", il nuovo singolo di Dani Faiv.
Copertina di "In Peggio", il nuovo singolo di Dani Faiv.

"In Peggio" è prodotta da Strage ed è una canzone che approfondisce il tema del successo nel suo lato negativo: gli haters. Il rapper presenta un concetto ormai sulla bocca di tutti: i leoni da tastiera, capaci solo di criticare gli altri servendosi delle nuove tecnologie. Nel ritornello l'artista menziona una delle critiche più ricorrenti fatte ai cantanti: "eri meglio prima", reputando l'evoluzione musicale sempre  negativa. Nelle strofe, invece, Dani celebra il suo successo ringraziando Machete che definisce una famiglia e gli stessi haters che con i loro commenti gli danno visibilità. All'interno della canzone il rapper fa riferimento ad un disco finito di cui è soddisfatto e che definisce al di sopra della media degli altri della scena in quanto è un prodotto originale. 
Dani Faiv, perciò, ci ha annunciato che qualcosa è già pronto e che prossimamente potremo ascoltare il nuovo disco tra cui troveremo anche "In Peggio".

Per il nuovo singolo "In Peggio" è stato reso disponibile il videoclip ufficiale su Youtube. Il video è un esplosione di colori ed effetti, nelle diverse scene possiamo cogliere l'ironia e la leggerezza di "Fruit Joint" che non ha mai abbandonato l'artista. Il video nel suo complesso è abbastanza semplice in quanto è realizzato interamente in green screen ma presenta diversi dettagli che solo un occhio attento può vedere. Il messaggio del brano è ripreso anche nel video mostrando l'artista incappucciato mentre scrive su una tastiera di un vecchio computer che potrebbe rappresentare l'attaccamento al passato e il disprezzo verso le novità che contraddistingue gli haters.



VOTO 7/8 /10

martedì 31 marzo 2020

"POLKA" è il nuovo singolo di Rosa Chemical feat. Thelonius B. che anticipa un nuovo progetto dell'artista che uscirà prossimamente.

"POLKA" è una canzone molto diversa dagli standard a cui siamo abituati, le voci di Rosa Chemical e Thelonius B. fanno da contorno ad una produzione strepitosa di Greg Willen.

"POLKA" è il nuovo singolo di Rosa Chemical ed è un assaggio del progetto musicale che l'artista rilascerà a breve. Sul suo profilo Instagram, infatti, si sono susseguiti diversi post in cui vengono citati passi della Bibbia sulla genesi del mondo e degli uomini. E' chiaro che l'artista ci sta introducendo il suo nuovo disco cercando di generare hype e curiosità nei suoi fan. Probabilmente sta paragonando la genesi del pianeta con la nascita della sua musica e della sua carriera ancora agli inizi. 
Rosa Chemical è un personaggio controverso che ha diviso la scena hip hop, c'è chi vede le sue potenzialità e intuisce il carattere goliardico dei suoi pezzi e altri che lo considerano spazzatura. Anche a livello fisico il rapper ha un aspetto stravagante e fuori dagli schemi, dall'abbigliamento alla sessualità un po' misteriosa, si potrebbe paragonare bene al carattere trasgressivo di Achille Lauro fatto di eccessi e non conforme agli standard sociali.

Copertina di "POLKA" di Rosa Chemical feat. Thonius B.
Copertina di "POLKA" di Rosa Chemical feat. Thonius B.

In "POLKA", Rosa Chemical e Thelonius B. approfondiscono l'aspetto criminale e coatto dei loro personaggi, la canzone ha un testo abbastanza semplice e chiaro che fa spesso riferimenti al sesso, alle droghe e alle armi. I contenuti sono poveri e il significato della canzone è superficiale. La caratteristica che rende la traccia interessante è la base di Greg Willen (produttore di FSK) che ha realizzato un beat incredibile campionando un piccolo simple di polka, genere musicale tradizionale dell'est nato in Polonia. Il nome infatti riprende questa caratteristica del beat.

Il video ha un'ambientazione che ricorda la vita dei rom che rappresentano lo stereotipo del criminale dell'est, si vede infatti una roulotte sovraffollata in cui i tre artisti si alternano rappando e maneggiando armi. Il video riprende lo squallore e lo stile di vita povero degli zingari.



VOTO 7/10

venerdì 27 marzo 2020

"Sport + muscoli RMX" raccoglie big ed emergenti della scena italiana in una traccia "esplosiva".

"Sport + muscoli RMX" vede la collaborazione di Lazza, Paky e Taxi B oltre a Luchè già presente nella traccia originale.

"Sport + muscoli RMX" è il remix di "Sport - I muscoli" nona traccia dell'ultimo album di Marracash: "Persona". Il remix è stato annunciato dal rapper su Instagram appena due giorni fa rivelando solo il giorno successivo i tre feat all'interno. Al momento della rivelazione dei nomi, Lazza, Paky e Taxi B hanno pubblicato sulle storie di Instagram piccoli spezzoni delle loro strofe alimentando l'hype per un remix inatteso e per dei feat inaspettati e sorprendenti.

Marracash ha stupito i suoi ascoltatori chiamando in questo remix dei personaggi che, proprio in questo momento, stanno ottenendo sempre più successo. Molto probabilmente il rapper ha intuito il loro potenziale, ha apprezzato il loro percorso musicale e ha deciso, attraverso il successo di "Persona", di spingere in alto artisti come Paky e Taxi B che, oltre a questo featuring, non avevano ancora usufruito della spinta di un big del rap italiano per la loro ascesa. Ovviamente Lazza era già entrato da tempo nel panorama musicale italiano partecipando attivamente all'interno di Machete nei vari progetti del collettivo e realizzando "Re Mida", album che ha confermato il suo talento indiscusso e il suo diritto ad un posto nella scena.

Copertina di "Sport + muscoli (RMX)" - Marracash feat. Luchè, Lazza, Paky & Taxi B.
Copertina di "Sport + muscoli (RMX)" - Marracash feat. Luchè, Lazza, Paky & Taxi B.

"Sport + muscoli RMX" raccoglie il presente e il futuro del rap italiano portando in unica traccia le diverse attitudini musicali dei cinque rapper che si succedono su una base incredibile, probabilmente la migliore dell'album "Persona", prodotta da Low Kidd e Casanova. 
La canzone inizia con la strofa di Lazza che porta un concentrato di rime e giochi di parole che celebrano il suo successo e la sua ricchezza.
La seconda strofa di Marracash è la stessa contenuta nella versione originale che già conosciamo a memoria come anche il ritornello successivo.
La terza strofa di Paky è molto più cruda e violenta come nello stile del rapper di Rozzano, accenna a quello che ha vissuto e che ha visto nel quartiere riconoscendo e celebrando il successo e i numeri delle sue canzoni che stanno crescendo. 
La quarta strofa di Luchè è quella contenuta nella traccia originale.
La cinque strofa di Taxi B è molto aggressiva, il rapper di FSK entra e rompe la base con il suo tipico timbro musicale "urlato". La strofa molto corta racconta l'invito di Marracash e il suo successo, il ritornello successivo è cantato da Taxi B e chiude la traccia.


VOTO 9/10

venerdì 20 marzo 2020

"Everybody's Everything" è il documentario sulla breve carriera musicale di Lil Peep.

"Everybody's Everything" propone sugli schermi la vita di Lil Peep, la sua breve e promettente carriera musicale, il suo disagio e i suoi problemi psicologici e personali.

"Everybody's Everything" ripercorre, con le parole di amici e familiari, la breve vita di Lil Peep stroncata il 15 Novembre del 2017 all'età di 21 anni per overdose di Fentalyn. Da subito la madre e i suoi più stretti collaboratori ci raccontano di un ragazzo dall'enorme creatività e originalità che disprezza gli stereotipi e i pregiudizi che percepiva all'interno dell'ambiente scolastico che decise di abbandona molto giovane.

Copertina di "Everybody's Everything", il documentario sulla vita di Lil Peep.

Nella sua vita Lil Peep si è sempre battuto per abbattere i pregiudizi e in segno di ribellione si era tatuato in quasi tutto il corpo mostrando dei tattoo molto vistosi sul volto diventando uno tra i primi rapper ad avere dei tatuaggi sul viso
Abbandonata la scuola Peep decise di lasciare casa, diventando un senzatetto e dedicandosi interamente alla musica con cui voleva creare un futuro per se stesso e per i suoi amici. Infatti, durante il documentario, sono molti gli amici che ammettono di avere avuto aiuti economici dall'artista che era una persona molto generosa e non era in grado di dire di no ad una richiesta di un amico. Questo suo atteggiamento gli porto, però, ad essere circondato da molte persone con cui condivideva una stessa casa e spesso venendo sfruttato per la sua fama e il suo successo. 

Lil Peep decise di fondare la GothBoiClique che raccoglieva molti dei suoi amici con cui collaborava per produrre la sua musica. Nonostante tutto, molte volte, l'artista manifestava dei problemi di depressione dicendo di sentirsi solo in una casa sovraffollata di amici che non era in grado di cacciare. Da questa situazione il manager propose a Lil Peep di trasferirsi a Londra per abbandonare gli amici e ritrovare un po' di serenità per poter scrivere e produrre la sua musica nel migliore dei modi. In questo periodo Lil Peep partecipò ad eventi importanti in Europa sfilando alla Milano Fashion Week e aumentando la sua fama a livello internazionale. Con la pubblicazione del primo album ufficiale fu programmato un tour in America dove si ritrovò con gli amici di GothBoiClique.

Lil Peep sfila alla Milano Fashion Week per Marcelo Burlon.
Lil Peep sfila alla Milano Fashion Week per Marcelo Burlon.

Il tour stressante, i problemi con la droga, la depressione e il continuo disagio interiore portarono l'artista ad un netto peggioramento nell'anno e mezzo di effettiva carriera. Ci sono scene in cui Lil Peep è vistosamente distrutto dall'alcol e dalle droghe di cui faceva uso quotidianamente, il manager e i suoi amici più stretti hanno cercato in tutti i modi di aiutarlo proponendogli la riabilitazione ma l'artista aveva sempre negato il problema dicendo di non voler smettere. Questo stile di vita portò alla sua morte precoce a poche date dalla fine del suo secondo tour. 
Gli amici parlano di Lil Peep come di un ragazzo allegro, solare che scherzava molto. Allo stesso modo, in certi momenti, manifestava gravi crisi di depressione mostrando le sue fragilità interiori derivanti anche da un'infanzia difficile e dal rapporto inesistente col padre

In un post apparso su Instagram il giorno prima della sua morte, Lil Peep scriveva di aver sempre aiutato tutti con la sua musica e con ogni mezzo a sua disposizione ma che nessuno invece abbia aiutato lui nei momenti difficili, dice che probabilmente morirà giovane senza essere stato felice per più di 10 secondi nella sua vita.

lunedì 16 marzo 2020

Il coronavirus non ferma il rap: gli artisti si sfidano su freestyle a tema COVID-19.

I rapper cercano di sensibilizzare i fan invitandoli a restare a casa attraverso una sfida di freestyle a tema coronavirus.

Ormai sono passati diversi giorni dal decreto del governo che ha imposto la quarantena a tutti gli italiani. Conte, in un discorso trasmesso alla televisione, ha parlato agli italiani invitandoli a limitare al minimo gli spostamenti per arginare e fermare il coronavirus che, in poche settimane, ha contagiato molte persone in diverse zone del nord italia dove si sono verificati diversi focolai difficili da contenere.

#coronavirusfreestylechallenge

Emis Killa, da sempre sensibile alle tematiche sociali, ha manifestato il suo sostegno verso le manovre e le regole promosse da Conte esprimendo la fiducia verso gli scienziati e medici italiani che hanno studiato il virus. Perciò ha deciso di iniziare una nuova challenge realizzando un freestyle sul coronavirus e sulla situazione attuale invitando i ragazzi a stare a casa e nominando dei colleghi per scrivere nuove rime su questa tematica allargando il messaggio a sempre più artisti e pubblico.

I rapper che hanno aderito all'iniziativa di sensibilizzazione sono molti e continuano ad aumentare ad ogni nomination. Tra gli artisti che hanno partecipato troviamo rapper affermati come Emis Killa, Salmo, Lazza, Nitro, Izi e altri emergenti come Madame, Anna, Rosa Chemical per citarne alcuni.
Tutti gli artisti hanno proposto uno stile e un mood diverso nei loro freestyle, chi ha cercato di sdrammatizzare con un po' di ironia e chi ha cercato di raccontare un momento così drammatico; però il messaggio di fondo rimane sempre lo stesso: restate a casa per il vostro bene e di chi vi sta intorno.

Qui sotto trovate la playlist con tutti i freestyle su coronavirus realizzati e postati sui social dai rapper della scena italiana.

venerdì 13 marzo 2020

"Gianni Nazionale" è il nuovo singolo di Gianni Bismark che anticipa il nuovo disco "Nati Diversi" in uscita il 27 Marzo.

"Gianni Nazionale" è un'autocelebrazione della consacrazione di Gianni Bismark nel panorama musicale italiano.

Tiziano Menghi, in arte Gianni Bismark, è un rapper originario di Roma del quartiere della Garbatella dove il calcio, in particolare la Roma, è una religione. Gianni infatti è un tifoso romanista sfegatato che ha preso il suo nome dal calciatore Gianni Bismark Guigou Martínez che fu uno ddei protagonisti dell'ultimo scudetto giallorosso.

Copertina di "Gianni Nazionale", il nuovo singolo di Gianni Bismark.
Copertina di "Gianni Nazionale", il nuovo singolo di Gianni Bismark.

In "Gianni Nazionale" i riferimenti calcistici sono molto evidenti. Attraverso la metafora della nazionale di cui dice di fare parte, Gianni si riferisce ai top del rap italiano a cui si è unito con i suoi testi ricchi di tematiche sociali di quartiere e disprezzo verso le istituzioni. Nelle strofe il rapper romano racconta la sua vita sregolata fatta di droghe e alcol derivante dal grande successo e sostegno economico che gli ha portato la sua musica. 

Il video del nuovo singolo "Gianni Nazionale" presenta nuovamente immagini e scene che si ricollegano al calcio, durante il filmato infatti si deve Gianni che, insieme a due amici, sfida altri tre ragazzi a pallone per le strade di Roma. Il rapper, ovviamente, durante tutto il video indossa una tuta della nazionale italiana di calcio riprendendo proprio il concetto principale espresso nella canzone.



"Gianni Nazionale" è il primo estratto dal nuovo album di Gianni Bismark dal titolo "Nati Diversi" che uscirà il 27 Marzo come annunciato dal rapper stesso sul suo profilo Instagram.

VOTO 7.5/10

martedì 10 marzo 2020

"baby" di Madame esprime un nuovo concetto di femminilità.

"baby" è il nuovo singolo di Madame rilasciato venerdì 28 Febbraio su Spotify.

"baby" è un pezzo molto pop dell'artista femmina col maggior potenziale nella scena hip hop italiana. Francesca Galeano, in arte Madame, è una rapper classe 2002 che già dallo scorso anno si è fatta conoscere con canzoni che hanno riscosso molto successo tra cui "17" e "Schiccherie" che contano, attualmente, oltre 8 milioni di stream su Spotify. Dopo il successo iniziale, Madame ha avuto l'onore e l'opportunità di collaborare con personaggi importanti nel rap italiano partecipando a "Persona" di Marracash, "CLASH AGAIN" di Ensi e "Mattoni" di Night Skinny

Copertina di "baby", il nuovo singolo di Madame.
Copertina di "baby", il nuovo singolo di Madame.

"baby" presenta un nuovo stile musicale di Madame, molto più pop e adatto ad un mercato radiofonico dimostrando di potersi adattare alle mode e alle tendenze del momento sfruttando il mercato discografico moderno. Infatti, a differenza del suo ultimo singolo "LA PROMESSA DELL'ANNO", le sonorità e il testo di "baby" sono molto più dolci e leggeri e perciò adatti al mondo radiofonico.
Nonostante tutto, i versi di Madame sono tutt'altro che banali e superficiali. L'artista non rinuncia a raccontare un esperienza ed un vissuto, in questo caso in ambito amoroso, raccontandosi nei suoi pregi e difetti.
La canzone inizia con un primo ritornello di Madame in cui l'artista risponde alle domande insistenti di un ragazzo insicuro che ha paura di essere abbandonato, facendo intuire che il suo comportamento la sta allontanando da lui. 
La prima strofa riprende nuovamente le insicurezze del ragazzo e il disagio di Madame che termina la serata senza un bacio decidendo di lasciare una sigaretta con l'impronta del rossetto fuori casa in modo che lui si ricordi di lei.
La seconda strofa, invece, presenta le insicurezze e il disagio dell'artista nel vestire i panni di una donna in tacchi e minigonna. Nonostante questo, l'artista ci fa intuire che il secondo appuntamento si è concluso bene, con il ragazzo che non ha più fatto domande e con la sigaretta senza più il filo di rossetto.
La canzone presenta, quindi, l'inizio di una storia d'amore che sboccia tra i difetti della coppia. Madame esprime un nuovo concetto di femminilità che non appartiene più allo stereotipo della donna in tacchi e minigonna, ma esprime la sua sensualità in questo atteggiamento del farsi desiderare attraverso il rossetto sulla sigaretta.



VOTO 7/8 / 10

domenica 16 febbraio 2020

"Give No Fxk" è il nuovo singolo dei Migos feat. Travis Scott & Young Thug, rivelata la data di rilascio di "CULTURE III".

"Give No Fxk" è il primo estratto dall'atteso terzo capitolo di CULTURE del trio Migos che uscirà probabilmente questa primavera.

Il trio formato da Quavo, Offset e TakeOff, meglio conosciuto come Migos, è il collettivo più in voga nel panorama hip hop internazionale del momento. Negli anni scorsi sono stati i protagonisti delle classifiche globali con hit che hanno spopolato in tutto il pianeta come "Bad And Boujee", "T-Shirt" e "Walk It Talk It" per citare alcuni dei loro successi che appartengono proprio ai progetti precedenti "CULTURE" e "CULTURE II". 
Dopo dei progetti indipendenti dei tre artisti che non hanno riscosso un incredibile apprezzamento dal pubblico, i Migos avevano annunciato l'arrivo del terzo capitolo della saga CULTURE che inizialmente era stato annunciato per il 24 di Gennaio. I fans, però, non sono stati accontentati in quanto la data del rilascio dell'album è slittata più avanti. Tra gli indizi rilasciati dai tre artisti troviamo delle immagini di TakeOff che, sul profilo Instagram personale, ha postato delle foto in studio in cui si scorge una lavagnetta che riporta un possibile periodo di pubblicazione del progetto che va da fine Aprile ad inizio Maggio.

Sulla lavagnetta in alti a destra è riportata la probabile data di uscita. "Late April early May".
Sulla lavagnetta in alti a destra è riportata la probabile data di uscita. "Late April early May".

Per aumentare l'hype su questo album e per dare un assaggio di ciò che sarà "CULTURE III" i Migos hanno rilasciato su Spotify il primo estratto "Give No Fxk" che vanta la collaborazione di altri due colossi del rap mondiale: Travis Scott e Young Thug.
Si tratta di una canzone puramente trap, in cui i contenuti sono volutamente scarsi, si parla di concetti che sono alla base della scena rap americana: soldi, donne, automobili e gioielli. E' la prima traccia in cui si ritrovano questi 5 artisti che, probabilmente, sono i principali fautori del successo del sottogenere trap. Nonostante ci siano ben cinque rappers la canzone dura meno di 4 minuti e non risulta noiosa, la prima strofa è infatti divisa dal trio Migos, la seconda di Young Thug è piuttosto breve, mentre l'ultima di Travis Scott è quella più consistente.
Il videoclip del singolo rispecchia l'essenza del brano, infatti non viene raccontata una storia o espresso un concetto ma viene dato spazio agli effetti speciali.

                                             

giovedì 6 febbraio 2020

Festival di Sanremo 2020: Rancore canta "Eden" sul palco dell'Ariston, il significato della canzone .

Rancore, alla prima apparizione tra i concorrenti di Sanremo, si è esibito cantando "Eden", in gara per la settantesima edizione del Festival della musica italiana; ecco il significato della canzone.

Rancore si è presentato sul palco dell'Ariston nella seconda serata del Festival e si è esibito con il nuovo singolo "Eden" in gara per la settantesima edizione del Festival di Sanremo. L'artista ha portato sul palco un genere molto controverso come il rap, difficile da apprezzare dal target generazionale di Sanremo che continua a proporci ospiti che sono stati protagonisti di edizioni passate del Festival come I Ricchi e Poveri, Albano e Romina e Massimo Ranieri per citarne alcuni, sottolineando la fascia di età a cui lo show punta maggiormente. 
Nonostante tutto Amadeus si è impegnato nel cercare di garantire anche qualche artista per le generazioni più giovani tra cui Rancore, Junior Cally, Lamborghini ma anche Elodie e Pinguini Tattici Nucleari che, a differenza dei primi artisti citati, realizzano un prodotto musicale molto più conforme agli standard del Festival e quindi più facile da accettare dal pubblico. 
Tutto ciò per evidenziare come, nonostante i tentativi di ringiovanire il Festival, le novità vengano sempre disprezzate e questo comporta logicamente ad un rifiuto di molti artisti a partecipare al Festival, un esempio lampante è Salmo che ha rinunciato all'invito come ospite.

Rancore mentre stringe tra le mani una mela, la metafore delle scelte dell'uomo.
Rancore mentre stringe tra le mani una mela, la metafora delle scelte dell'uomo.

Detto ciò Rancore ha portato sul palco un pezzo molto articolato e, a livello di contenuti, molto elaborato e ricercato. In "Eden" Rancore riesce a ripercorrere parte della storia dell'uomo attraverso la figura della mela che è la metafora della scelta, la scelta che hanno compiuto Adamo ed Eva nell'Eden, la scelta che l'uomo compie ogni giorno e che influenza il mondo intero. 
Cita l'attentato alle Torri Gemelle; le guerre in Iraq, Siria e nelle zone del Medio Oriente; le scoperte di Isaac Netwon ispirate da una mela caduta da un albero; il famoso logo Apple; il mito del Giudizio di Paride; il genio di Turing e la rivoluzione informatica; il quadro "Il figlio dell'uomo" di René Magritte e infine Guglielmo Tell. 
Questo lunghissimo elenco è fatto per dimostrare e far capire al pubblico medio sanremese la profondità e l'elaborazione di un testo rap che spazia dalla scienza, alla letteratura, passando per la storia e l'arte soltanto con una mela. E' un invito a cercare di capire il messaggio artistico della nuova generazione che, a livello discografico, sta dominando tutte le classifiche. A primo impatto non si riescono a cogliere tutti i riferimenti e i sottotesti ed è per questo che nel rap bisogna leggere e interessarsi ai testi e ai contenuti, ovvio che questo genere non è certamente molto orecchiabile e la musicalità non è contagiosa perché si punta a trasmettere un messaggio elaborato e, in certi casi, poetico rispetto a garantire al pubblico un tormentone che risuonerà in radio. 

Rancore, al termine della serata, si è posizionato ventiduesimo sui ventiquattro cantanti in gara, riconfermando il trend negativo del rap a Sanremo.

                                               

mercoledì 5 febbraio 2020

Festival di Sanremo 2020: Achille Lauro in gara con "Me ne frego", il significato della canzone e della sua performance.

Achille Lauro crea un forte scandalo legato alla sua performance sul palco di Sanremo in occasione della sua esibizione del singolo "Me ne frego" in gara nel Festival.

Achille Lauro è alla seconda partecipazione al Festival di Sanremo, dopo l'edizione del 2019 in cui si era presentato con la canzone "Rolls Royce" che aveva causato un forte clamore mediatico per i contenuti e lo stile musicale ed estetico del rapper. Le molte critiche e il grande pubblico raggiunto hanno incrementato il successo di Achille che ha deciso di ripresentarsi al Festival e di far parlare nuovamente di sé attraverso una performance che rispecchia il carattere eccentrico e provocante. 

Il rapper si è presentato sul palco indossando una lunga tunica nera con ricami in oro, appena iniziata la canzone si è spogliato dell'abito ed ha cantato tutto il brano in una tutina color carne che copriva molto poco del suo corpo. 
Sui social Achille Lauro ha svelato il significato di tale abbigliamento paragonandosi a San Francesco che si libera di ogni suo bene materiale. In realtà, molto probabilmente, il gesto dell'artista è solo marketing, un modo per far parlare di sé oltre alla musica e per creare scandalo quasi prendendosi gioco di giornalisti e di tutte le persone che si sono sentite offese da questa performance. Tra gli altri, il politico Denis Nesci ha criticato fortemente il rapper per l'esempio dato ai bambini che seguono da casa il Festival puntando anche il dito contro Amadeus che ha permesso la partecipazione alla gara ad Achille Lauro e a Junior Cally, accusato in queste settimane di realizzare testi che istigano alla violenza contro le donne.

Achille Lauro si spoglia durante nell'esibizione sul palco dell'Ariston.
Achille Lauro si spoglia durante nell'esibizione sul palco dell'Ariston.

Tutte queste discussioni, però, hanno messo in secondo piano la cosa più importante ovvero la canzone. "Me ne frego" racconta una storia d'amore tossica, fatta di bugie e di passione, di dolore e di fascino, di repulsione e di attrazione. Con questo brano Achille Lauro esprime il suo menefreghismo nei confronti delle conseguenze di questa relazione d'amore che non vuole troncare, un po' lo stesso concetto che possiamo intuire dalla sua performance volutamente scandalosa. A livello musicale il singolo riprende molto lo stile rock eclettico e alternativo di "Rolls Royce" che aveva ottenuto un gran successo proprio sul palco dell'Ariston
Nella classifica finale della prima serata, Achille Lauro si è posizionato nono sui dodici cantanti presentati probabilmente penalizzato dallo scandalo creato e dalla canzone che presenta poche novità rispetto a quella presentata l'anno precedente.

Qui sotto l'esibizione di Achille Lauro al Festival di Sanremo 2020.